Fabienne Agliardi

Fabienne Agliardi

DIRETTORE EDITORIALE

Direttore Editoriale Teatro.it

Continua a leggere...
Corrado d’Elia: “Oggi Riccardo III al posto del cavallo vorrebbe un bit-coin!”
Teatro

Corrado d’Elia: “Oggi Riccardo III al posto del cavallo vorrebbe un bit-coin!”

E’ uno dei “cattivi” delle tragedie del Bardo, qui riscritto con un ritmo contemporaneo. Ma la smania di potere non è cambiata, dice d’Elia in questa intervista.

Teatro e carcere: la risposta a un bisogno
Teatro

Teatro e carcere: la risposta a un bisogno

Lo scrisse Claudio Meldolesi, storico delle arti sceniche: “E’ immaginazione contro emarginazione, possibilità infinita contro impossibilità”. L’Italia, in questo settore, è una best practice. E la Costituzione ne appoggia lo spirito e il lavoro.

Litta e Leonardo: a Milano cinque esperti per due teatri
Teatro

Litta e Leonardo: a Milano cinque esperti per due teatri

Loro lo chiamano “tavolo artistico”, professionisti con anni di esperienza che, con dieci occhi, guardano fuori e scelgono gli spettacoli più interessanti. Ma funziona davvero? Pare di sì, a giudicare dai cartelloni. 

Se ne va anche il Melandri: addio a Gastone Moschin
Cinema

Se ne va anche il Melandri: addio a Gastone Moschin

Purtroppo non è una supercazzola. E pensare che meno di un mese fa avevamo provato a contattarlo per un’intervista: l’avremmo raggiunto in Umbria, dove viveva. E invece, fedele allo spirito di “Amici Miei”, il Melandri ci ha fatto l’ultimo scherzo.

Addio a Paolo Villaggio, l'indimenticabile Fantozzi
Teatro

Addio a Paolo Villaggio, l'indimenticabile Fantozzi

Stavolta è proprio vero: Paolo Villaggio se n'è andato. Tante, negli anni, le bufale sulla sua morte. Lui ci scherzava su e noi, ogni volta, abbiamo tirato un sospiro di sollievo. 
Ci lascia dunque l'ultima maschera della commedia dell'arte, il primo comico a ricevere, nel 1992, il Leone d'oro alla carriera. 

Joe Bastianich: "Un ristorante gestito bene è come uno spettacolo che vuoi vedere di nuovo"
Teatro

Joe Bastianich: "Un ristorante gestito bene è come uno spettacolo che vuoi vedere di nuovo"

Ha oltre un milione di fan su Facebook, ma la prima fan in assoluto è sua nonna Erminia, 97 anni, che lo chiama ancora Giuseppino. Intervista all'italo-americano più multi-tasking e più amato degli ultimi anni che dopo i ristoranti, MasterChef, musica e  viticoltura è ora approdato a teatro.

Il ritorno di “Drive In”: dalla TV al teatro
Teatro

Il ritorno di “Drive In”: dalla TV al teatro

“Drive In? Era come l’attuale YouTube”, ci racconta Gianfranco D’Angelo, anima indiscussa della trasmissione cult degli anni ’80. Ora, a distanza di oltre trent’anni, è tempo di Reunion. Operazione nostalgia? Pare di no. Non fosse altro per il mezzo: il palcoscenico anziché il piccolo schermo.

Medea on the road: il teatro è un furgone, fino a viale Zara
Teatro

Medea on the road: il teatro è un furgone, fino a viale Zara

La storia di strada per eccellenza raccontata…in strada. “Medea su viale Zara” è uno spettacolo che tramuta un furgone in teatro, che viaggia da Porta Genova fino alle strade della prostituzione. Con una sola regola: 7 posti a sera. In prima nazionale a Milano.

Toni Servillo a teatro sgrida uno spettatore che usa il cellulare
Teatro

Toni Servillo a teatro sgrida uno spettatore che usa il cellulare

Bastano i cartelli e il buon senso? Pare di no, e accade dappertutto. Ma questa volta l'attore ha interrotto lo spettacolo e ha ripreso il maleducato spettatore in modo severo.

Simone Cristicchi: 'Sono un antiquario di storie sconosciute'
Teatro

Simone Cristicchi: 'Sono un antiquario di storie sconosciute'

Non ha fatto scuole di teatro, eppure riempie i teatri. Non se la sente di recitare con altri, perché da solo sul palco ha più libertà di deragliare. E ha capito che nel teatro vige una regola chiave: è l'alchimia di cosa racconti, di come lo racconti e del passaparola.

Matrimonio 2.0: anche questo è teatro
Teatro

Matrimonio 2.0: anche questo è teatro

Confettate costosissime, cagnolini affittati, abiti da migliaia di euro: sposarsi è un evento – spesso kitsch - dove la protagonista che va in scena è, di fatto, la sposa.